Milano (askanews) - Nuova vita per alcune panchine del padiglione tedesco a Expo 2015. Dopo avere dato un po' di tregua ai visitatori dell'esposizione universale, stremati dal caldo estivo e dalle code, sono state infatti riutilizzate per arredare il Giardino delle Culture a Milano, un'ex area dismessa in zona XXII marzo riqualificata dal Comune grazie alla mobilitazione dei cittadini e il contributo di imprese private. Un esempio di collaborazione, sottolinea il commissario di Expo Giuseppe Sala, che è stata anche la chiave del successo della manifestazione."E' un esempio di come poi il post Expo è fatto sì di grandi progetti, del dibattito sull'area e su quello che ci sarà, ma anche di tante piccole cose. Credo che momenti come questo siano estremamente importanti per far capire alla gente che lo spirito di Expo deve continuare, uno spirito molto positivo che ha messo insieme tanti".Intanto, grazie a un gruppo di volontari, più di 500 alberi di Expo sono stati già ripiantiati nei Comuni dell'hinterland milanese e si continua a lavorare sulla linea del riuso come evidenzia Carmela Rozza, assessore comunale ai Lavori pubblici."Abbiamo anche, se ci riesce, il progetto di trasferire pezzi di padiglioni in varie piazze della città. Un lavoro che inizia questo pomeriggio quando andrò a Expo a vedere, per esempio, i portali del padiglione del Belgio che mi piacerebbe mettere in una piazza".Allo stesso modo degli oggetti del padiglione del Vietnam potrebbero andare al quartiere di Bonola.