Panama City (TMNews) - Un Canale in mezzo al guado: lascia o raddoppia? I lavori di ampliamento del Canale di Panama segnano il passo e con l'espansione a rischio gli operatori del consorzio, tra cui l'italiana Impregilo e la spagnola Sacyr, hanno registrato anche delle sofferenze in Borsa.Il consorzio di costruzione ha minacciato di interrompere i lavori per il raddoppio del canale artificiale che attraverso l'istmo di Panama mette in comunicazione l'Oceano Atlantico con il Pacifico. Il tutto a seguito di un contenzioso con le autorità panamensi legato a un aumento dei costi di 1,63 miliardi di dollari, derivati da circostanze "sopravvenute e impreviste", sui 3,1 miliardi complessivi del contratto.La posizione dei costruttori è chiara in quanto intendono avvalersi del rispetto del contratto che prevede la copertura di extra-costi a carico del committente nel caso in cui questi ultimi non siano dipendenti dagli operatori del contratto stesso.Nello specifico, secondo gli avvocati del consorzio, il progetto per la realizzazione di un terzo gruppo di chiuse per il Canale ha incontrato una serie di difficoltà in quanto la Panama Canal Authority avrebbe presentato una serie di studi errati sulla morfologia del terreno.