Palermo, (TMNews) - Scoperta inquietante nei pressi del cimitero di Bagheria, a pochi chilometri da Palermo, dietro cui potrebbe esserci l'ombra della mafia. I carabinieri del Comando provinciale hanno infatti trovato centinaia di bare accatastate tra il muro perimetrale e alcune cappelle private, a ridosso delle quali vi erano, ancora fumanti, le braci di fuochi che, durante la notte, avevano incendiato anche resti umani e ossa.Le aree teatro della macabra vicenda sono state dunque sottoposte a sequestro. Gli investigatori sospettano che la mafia abbia assunto il controllo delle operazioni di estumulazione delle bare e di smaltimento dei resti umani per gestire un mercato dei loculi e delle aree destinate alla costruzione di cappelle private.I carabinieri, coordinati dalla Procura di Termini Imerese, hanno aperto un'indagine per vilipendio, soppressione di cadavere, danneggiamento seguito da incendio e gestione incontrollata di rifiuti speciali.