Palermo (askanews) - Il comandante generale dell'Arma dei carabinieri, Tullio Del Sette, ha visitato il Giardino della Memoria di Ciaculli a Palermo, dove d'ora in poi ci saranno un albero e una targa dedicati al capitano dei carabinieri Emanuele Basile, ucciso dalla mafia il 4 maggio 1980. All'evento, promosso dall'Unci, hanno preso parte tra gli altri il vicepresidente nazionale dell'Unione nazionale cronisti italiani, Leone Zingales, e il sindaco di Palermo Leoluca Orlando."ll ricordo che oggi viene rinnovato, del sacrificio del capitano Basile, è un omaggio a tutte le vittime, dello Stato, della società civile, di tutte le istituzioni e di tutte le parti della società buona". Il capitano Basile fu ucciso, sotto agli occhi della moglie e della figlia, perché aveva continuato le indagini sul clan dei corleonesi, svolte dal commissario Boris Giuliano quando venne assassinato. Nell'ordinanza del maxiprocesso, in particolare, viene ricordata una operazione che il capitano dell'Arma compì poche settimane prima di essere ucciso, quando arrestò alcuni mafiosi della cosca corleonese.