Palermo, 10 nov. (askanews) - Chiedevano il pizzo alle produzioni cinematografiche per poter girare fiction nelle loro zone. La polizia ha sequestrato beni per 500 mila euro a Tommaso Tognetti, esponente di spicco del mandamento della "Noce" di Palermo. L'indagine condotta dagli investigatori della Questura e dal Gico della Guardia di Finanza ha permesso di individuare e successivamente sequestrare, due appartamenti intestati a parenti stretti, ma in realtà nella diretta disponibilità di Tognetti. Arrestato nel 2012 nell'ambito dell'operazione "Atropos", secondo gli inquirenti Tognetti è dotato di una spiccata pericolosità sociale. Incline a commettere efferati delitti è ritenuto pericoloso per la sicurezza pubblica.