Palermo, (TMNews) - Chiedono garanzie per il loro futuro. Per questo i lavoratori della Gesip, l'azienda di servizi del Comune di Palermo in liquidazione, sono tornati in piazza. All'amministrazione comunale, e al sindaco Leoluca Orlando, chiedono quale sarà il loro destino dopo l'esaurimento della cassa integrazione in deroga per il periodo compreso tra settembre e dicembre 2012. Alcuni giorni fa da Palazzo delle Aquile hanno fatto sapere che il liquidatore della Gesip ha chiesto la copertura degli ammortizzatori sociali per altri quattro mesi. Per Pietro La Torre, segretario generale UilTuCS Sicilia la cassa integrazione in deroga è solo un intervento transitorio: "Abbiamo necessità che il Comune dica quali siano le sue intenzioni per arrivare agli accordi necessari per salvare realmente i lavoratori".Alcune centinaia di manifestanti hanno hanno sfilato lungo le vie del centro creando numerosi disagi agli automobilisti, diretti verso la sede del Municipio.