Islamadab (TMNews) - L'ombra dei talebani torna a stendersi, minacciosa, sopra la provincia pakistana di Swat, dopo il peggior attacco terroristico dell'ultimo anno e la tragica vicenda dell'omicidio della giovane attivista per i diritti delle bambine. La popolazione, adesso, è preoccupata. "Dopo le bombe e le uccisioni - spiega un uomo - sembra che i talebani possano tornare qui a Swat e la situazione potrebbe essere davvero molto brutta". "Oggi - aggiunge un altro abitante di Swat - non solo la nostra provincia, ma l'intero Paese si trova in una situazione così difficile che ogni volta che vado alla fermata dell'autobus o in libreria ho paura che possa scoppiare una bomba e che io non possa tornare più a casa".Nella regione di Swat, provincia urdu che fu attraversata anche da Alessandro Magno durante il suo leggendario viaggio in oriente, si è combattuta una parte importante dell'offensiva contro i talebani, a partire dal 2009. Ma dopo i 22 morti dell'attentato dei giorni scorsi, in molti temono che gli studenti coranici possano tornare a dominare la scena, con la paura e l'integralismo.(Immagini Afp)