Karachi (askanews) - Le forze di sicurezza pachistane hanno dichiarato di avere liberato dalla morsa talebana alcune aree urbane di Karachi, il principale insediamento del paese. In alcune parti della città, trasformate in no-go zones, le milizie talebane esercitavano un controllo assoluto a base di estorsioni, omicidi e rapimenti."La talebanizzazione di Karachi è stata ridotta del 70/80%, sottolinea Azfar Mahesar, responsabile delle unità di polizia nei quartieri occidentali della città. Esistono ancora delle isole di resistenza ma complessivamente i talebani non sono più in grado di colpire con l'efficacia di un anno fa".Congestionata e caotica megalopoli asiatica di 20 milioni di persone, Karachi da tempo è diventata territorio privilegiato per la criminalità organizzata e la violenza politica. E qui ha trovato radici il movimento talebano, con il quale i servizi segreti militari pachistani, nel complesso "little game" anti indiano, hanno avuto da sempre rapporti che sarebbe eufemistico definire ambivalenti, rendendo estremamente delicati, altro imbarazzante understatment, i rapporti con l'esercito statunitense nel corso del conflitto afgano.Ma dopo il massacro l'anno scorso di 150 persone in una scuola di Peshawar, frequentata da figli di militari pachistani, le forze di sicurezza hanno intensificato le operazioni di contrasto, favorendo il ritorno di una certa stabilità, come testimonia una residente di Karachi. "La gente aveva paura e aveva finito per non andare più nemmeno al mercato diventato un posto interamente controllato dai talebani".La reazione delle forze di sicurezza è stata molto pesante, scatenando la reazioni di diversi gruppi per la difesa dei diritti civili ma anche gruppi islamisti pachistani hanno saluto con favore l'eradicazione dei talebani dalla città."La pace è finalmente tornato, rivendica Abdul Razzaq Khan, dirigente del locale "Jamaat-e-Islami". La gente è tornata a circolare liberamente e senza paura. Anche la vita economica ha ripreso il suo corso. La sicurezza è un esigenza fondamentale per tutti ed è stata ritrovata".Resta solo una domanda. Dove sono finiti i talebani? E, soprattutto, quando e come decideranno di tornare in azione per cercare di riprendersi lo spazio perduto?(Immagini Afp)