Peshawar (askanews) - Almeno diciotto persone sono rimaste uccise e oltre cinquanta ferite nell'attacco di un gruppo armato ribelle contro una moschea sciita a Peshawar, principale città del nordovest del Pakistan, nel corso della grande preghiera del venerdì."La preghiera era quasi finita quando abbiamo udito una grande esplosione. Tutti hanno inziato a scappare ed è lì che gli attentatori hanno iniziato a sparare e a lanciare granate", ha spiegato un testimone.L'attentato di Peshawar segue di due settimane un attacco suicida contro una moschea sciita nel sud del Paese, costato la vita a 61 persone, nel più grave incidente a sfondo religioso a colpire il Paese negli ultimi due anni.(immagini AFP)