L'Avana (askanews) - Il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi ha raccontato ai giornalisti l'incontro tra Papa Francesco e Fidel Castro, avvenuto all Avana a conclusione della messa celebrata dallo stesso Jorge Mario Bergoglio nella plaza de la Revolucion. E' stato un faccia a faccia "molto famigliare e informale, è durato una quarantina di minuti nella residenza dove abita attualmente Fidel Castro". Vi è stato "uno scambio di doni, di libri: sono persone colte, persone che riflettono e che pensano. Il Papa gli ha regalato due libri di Pronzato, un autore spirituale italiano ("La nostra bocca si aprì al sorriso. Umorismo e fede" e "Vangeli scomodi" di Alessandro Pronzato, ndr.), i suoi ultimi due documenti (l esortazione apostolica Evangelii Gaudium e l'enciclica Laudato si , ndr.) e un libro di un gesuita che è stato un educatore di Fidel Castro quando era giovane al collegio dei gesuiti dell'Avana, padre Llorente. Fidel ha regalato il libro Fidel y la religion di Frei Betto (domenicano che intervistò Fidel Castro per un best seller del 1977, ndr.), una conversazione sul tema della religione".