Roma (askanews) - Progettavano attentati in Europa e Medio Oriente ed erano coordinati via web da un mullah rinchiuso in un carcere in Norvegia. I carabinieri del Ros, sono stati protagonisti di un'operazione antiterrorismo a livello europeo, coordinata da Eurojust, l'agenzia di coordinamento tra le polizie europee. In manette sono finite diciassette persone, sedici curdi e un kosovaro.L'indagine è stata avviata dal Ros nel 2010 attraverso l'analisi di un sito web di connotazione jihadista che ha permesso di identificare anche dei navigatori dall'Italia, tra i quali i componenti di una cellula che si occupava di reclutamento di militanti via web.La cellula faceva capo al mullah Krekar, fondatore nel 2001 del gruppo terroristico curdo-sunnita Ansar al-Islam, ritenuto vicino alle posizioni dello Stato Islamico. Krekar è detenuto a Oslo ma dal carcere continuava a essere la guida ideologica e strategica dell'organizzazione con diramazioni in tutta Europa, Italia compresa. L'obiettivo era quello di "instaurare uno Stato islamico con metodi violenti nel Kurdistan iracheno" sfruttando il web per coordinare dalla Norvegia diverse cellule disseminate in Europa.I carabinieri hanno operato in collaborazione con le autorità giudiziarie e di polizia di Regno Unito, Norvegia, Finlandia, Germania e Svizzera. I militari hanno eseguito numerose perquisizioni nelle province di Bolzano, Parma e Brescia.