New York, (TMNews) - "L'accesso umanitario per coloro che hanno bisogno di soccorso in Siria non è migliorato": lo ha scritto il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, in un rapporto trasmesso al Consiglio di sicurezza dell'Onu con cui si chiede di agevolare la consegna di aiuti "in particolare nelle aree del paese di più difficile accesso".Secondo l'Onu, circa 3,5 milioni di persone sono prive di servizi essenziali in Siria a causa del conflitto. Ma due mesi dopo l'adozione della risoluzione 2.139 che impone ai belligeranti di assicurare alla popolazione civile l'accesso agli aiuti umanitari, Ban ha concluso che "nessuna delle parti in conflitto ha rispettato le esigenze del Consiglio di sicurezza"."I civili non sono protetti e la sicurezza si è deteriorata", ha aggiunto il leader dell'Onu nel rapporto. "Migliaia di persone non hanno accesso ai servizi medici, compresi quelli vitali, di cui hanno bisogno", ha insistito Ban, ritenendo che "il Consiglio di sicurezza deve agire per affrontare queste evidenti violazioni dei principi fondamentali della legge internazionale".