Roma, (TMNews) - Il processo di riconciliazione in Somalia va avanti e le Nazioni Unite plaudono ai progressi in tal senso messi in atto dal governo somalo. Funzionari del Palazzo di Vetro hanno compiuto una missione a Mogadiscio per incontrare il premier Abdiweli Sheikh Abdi."Sono molto felice nell'affermare che abbiamo avuto un dialogo fruttuoso con il primo ministro - ha sottolineato Judy Cheng Hopkins, assistente del segretario generale delle Nazioni Unite per il sostegno e il mantenimento della pace in Somalia - Abbiamo avuto una discussione profonda, molto franca, sul cammino percorso dal Paese, che sembra molto promettente. Abbiamo parlato di tutto, ma soprattutto della riforma costituzionale in senso federalista, il tema della disoccupazione giovanile, la difesa delle donne e come poter avere una riconciliazione all'interno della comunità locale"."La cosa principale su cui abbiamo discusso - ha detto da parte sua il premier somalo - include il processo di riconciliazione, che vorremmo attuare entro il 2016 e in cui noi ci stiamo impegnando molto, che prevede anche la stabilizzazione della regione. Abbiamo discusso delle opportunità e delle sfide che ci attendono. E ci siamo concentrati sulla scelta dei migliori passi da compiere. Siamo molto contenti del sostegno che abbiamo da parte delle Nazioni Unite e siamo orgogliosi nell'annunciare che la signora Judy ha promesso un maggior sostegno al processo in corso".Immagini: Afp