New York (askanews) - Le Nazioni Unite scendono in campo a fianco della Apple nella disputa con l'Fbi. I tentativi del Federal Bureau of Investigation di costringere la Apple a sbloccare l'iPhone dell'autore della strage di San Bernardino avrebbe "conseguenze negative" a livello globale, ammonisce Zeid Raad Al Hussein l'Alto Commissariato Onu per i diritti umani."Con l'obiettivo di risolvere un problema di sicurezza relativo al criptaggio di dati in un caso ben preciso, le autorità rischiano di aprire un vaso di Pandora, con implicazioni che potrebbero essere estremamente dannose per i diritti umani di milioni di persone e anche per la loro sicurezza fisica e finanziaria", afferma l'Alto Commissario.Nella battaglia tra Apple e l'Fbi sono scesi in campo anche 155 gruppi tecnologici che fanno quadrato attorno al colosso di Cupertino e hanno depositato in tribunale una mozione a favore di Apple nella disputa aperta contro il governo americano che andrà in tribunale il prossimo 22 marzo.(immagini AFP)