Ginevra (askanews) - Dall'inizio del 2015 più di 300mila migranti e rifugiati hanno rischiato la loro vita per attraversare il Mediterraneo e arrivare in Europa. In 2.500 non ce l'hanno fatta e sono morti durante il viaggio. E' l'agenzia per i rifugiati dell'Onu (UNhcr) a dare un quadro più ampio della portata dell'emergenza."200mila sono arrivati in Grecia, 110mila in Italia - ha spiegato la portavoce Melissa Fleming - questi numeri mostrano un enorme aumento rispetto all'anno scorso, quando furono 219mila le persone arrivate dal mare in tutto il 2014".Sono cambiate soprattutto le rotte dei siriani in fuga dalla guerra: chi scappa non si ferma più nei paesi confinanti, dove già vengono ospitati migliaia di profughi, ma prosegue direttamente verso i paesi europei.