Lo scorso 25 marzo è entrata in vigore l'attesa legge che introduce nel nostro Codice penale due nuovi reati: l'omicidio stradale e le lesioni personali stradali. Una stretta tutt'altro che leggera: in caso di omicidio, la pena base prevede il carcere da 2 a 7 anni, mentre il responsabile che guidi ubriaco o drogato rischia fino a 12 anni di reclusione, per arrivare fino a 18 se causa la morte di più persone. “Focus 24” mette a confronto sul tema il sottosegretario alla Giustizia Cosimo Ferri, il presidente della commissione Trasporti della Camera Michele Meta (Pd), la presidente dell'Associazione Gabriele Borgogni Valentina Borgogni e il senatore Andrea Mandelli (Forza Italia).