Milano (TMNews) - Gli Stati Uniti non si faranno intimidire dall'esecuzione di Steven Sotloff, il secondo giornalista americano decapitato dallo Stato islamico. E' stato il primo commento del presidente Barack Obama, intervenuto da Tallinn in Estonia, dopo la diffusione del video della decapitazione, la cui autenticità è stata confermata dalla Casa Bianca. E' il secondo giornalista americano ucciso dallo Stato Islamico nel giro di due settimane. "Il nostro obiettivo è chiaro. Ed è degradare e distruggere l'Isis in modo che non sia più una minaccia, non solo in Iraq ma in tutta la regione e negli Stati Uniti"."Noi non stiamo solo andando ad assicurare alla giustizia coloro che hanno perpetrato questo terribile crimine contro questi due giovani uomini - ha concluso Obama - Più in generale gli Stati Uniti continueranno a guidare lo sforzo regionale e internazionale contro il tipo di visione barbara che l'Isil rappresenta". Obama ha già ordinato l'invio di 350 militari a Baghdad per proteggere i siti e il personale diplomatico.(Immagini Afp)