Roma (TMNews) - Intervistato dal New Yorker, ilpresidente statunitense Barack Obama lancia una frecciata aibenpensanti. Commentando recenti leggi in materia di liberalizzazione del consumo dimarijuana adottate negli stati di Colorado e Washington, Obamaesprime la sua convinzione: fumare cannabis non fa più male chebere alcool anche se resta dal suo punto di vista una "cattivaidea".Nell'intervista Obama prende posizione anche contro lalegalizzaione della droga - non penso che sarebbe una "panacea"per risolvere i problemi sociali dice il presidente - maribadisce: "non credo che fumare marijuana sia più pericoloso delbere".Nella chiacchierata con la rivista anche una parentesi personale.Da ragazzo, dice Obama, "come è stato ampiamente documentatoanch'io ho fumato un pochino ma mi accorsi presto che era unvizio e una pessima abitudine".D'altro canto quello delle droghe leggere resta, conclude Obama,un problema sociale. É un dato di fatto, dice il presidente, cheper il consumo e lo spaccio di marijuana i poveri, sopratuttolatinos e afroamericani, vengono puniti in modosproporzionatamente duro mentre i consumatori delle classi medioalte il più delle volte non subiscono pene di rilievo.