Milano (askanews) - Un violento nubifragio si è abbattuto su Milano per tutta la mattina di lunedì, mandando in tilt il traffico nelle principali vie cittadine. Un centinaio gli interventi dei vigili del fuoco al'interno dei confini urbani. Il grande sorvegliato è il fiume Seveso il cui livello per ora resta sotto la soglia di criticità. Attenzione anche al Lambro, anche se, in entrambi i casi, le previsioni meteo lasciano pensare a un progressivo miglioramento della situazione.

Mentre dunque si monitorano attentamente Lambro e Seveso per evitare che si ripetano gli episodi del luglio 2014 come mostrano queste immagini (****servizio 8-luglio 2014****) della zona Nord di Milano di due anni fa, i pompieri sono dovuti intervenire in una scuola media di via Angelo Mauri, zona corso Vercelli: infiltrazioni pesanti e danni al sistema elettrico hanno reso necessaria l'evacuazione dei 500 studenti presenti nell'istituto.

La violenza della pioggia ha fatto anche cadere un albero in via Ippolito Nievo senza fortunatamente provocare danni alle persone ma tranciando i cavi dell'elettricità e bloccando completamente la strada. Infine in pieno centro, in piazza Beccaria, i vigili del fuoco sono dovuti intervenire per un allagamento delle cantine del comando della Polizia locale.

Qualche difficoltà anche sulla circolazione della metropolitana: la lilla dopo alcuni problemi per un guasto agli impianti elettrici proprio per il maltempo verso metà giornata ha ripreso a circolare regolarmente saltando però la fermata Tre Torri.