Roma, (askanews) - "La decisione di oggi è una vittoria per l'America. E' una decisione che sancisce che siamo tutti stati creati uguali".Così il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha commentato la storica decisione della Corte suprema degli Stati Uniti, che ha stabilito che il matrimonio è un diritto garantito dalla Costituzione, anche alle coppie omosessuali. Questo significa che tutti gli Stati del Paese dovranno permettere a due persone dello stesso sesso di sposarsi e riconoscere i matrimoni omosessuali contratti in qualsiasi parte del Paese.Finora, la questione era stata lasciata in mano ai singoli Stati: in 37 nel corso degli anni, avevano deciso di legalizzare le nozze omosessuali, più il District of Columbia. Ora la Corte, che due anni fa preferì non esprimersi, con cinque voti favorevoli e 4 contrari, non si è tirata indietro e ha deciso che gli Stati devono legalizzare il matrimonio tra persone dello stesso sesso in base al quattordicesimo emendamento della Costituzione, che garantisce la parità di tutti i cittadini davanti alla legge.Per festeggiare in molte città gli omosessuali sono scesi in piazza per celebrare insieme la storica decisione che vede finalmente riconosciuti i loro diritti.(Immagini: Afp)