Roma, (TMNews) - Malala Yousazfai vince il premio Nobel per la pace 2014 insieme all'indiano Kailash Satyarthi e in questa libreria di Islamabad, capitale del Pakistan, le reazioni al riconoscimento per la giovane attivista pachistana sono differenti: non tutti sono soddisfatti.Per Hasseb Alam, manager di una compagnia petrolifera, "tutta la nazione è orgogliosa di lei, è un modello per i giovani, quello che hanno fatto i talebani è da condannare".Malala, appena 17 anni e la più giovane vincitrice del Nobel nella storia, nel 2012 subì un attentato dei talebani perché lottava per il diritto delle bambine all'istruzione.Per Huda Sarwar, "questo Nobel fa bene al Pakistan e fa bene alle bambine perché Malala lotta per i diritti delle donne e per l'istruzione".Ma per Fahad, cittadino di Rawalpindi, "Malala non avrebbe dovuto vincere. Ci sono altre persone che fanno un grande lavoro ma non sono candidate", dice. "Secondo me Malala è così famosa perché era contro l'islam e contro la tradizione del Pakistan. E per questo secondo me non se lo merita".