Roma (TMNews) - La Camera ha deciso che il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri deve restare al suo posto. La mozione di sfiducia presentata dal Movimento Cinque stelle dopo il caso delle telefonate ai Ligresti è stata bocciata dai deputati 405 voti contrari, 154 voti a favore della sfiducia e 3 astensioni. Il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri si è difesa in aula prima del voto. "Da parte mia non c'è stata nessuna omissione o reticenza" e "non ho mentito al Parlamento e ai magistrati e non ho mentito neppure sulla mia amicizia con Antonio Ligresti".Nel frattempo dalle carte del Tribunale emergono nuovi dettagli. Salvatore Ligresti davanti ai pm ha dichiarato di aver chiesto a Berlusconi per conto di Annamaria Cancellieri, di non allontanare il ministro, allora prefetto di Parma, dalla città una volta scaduto il mandato. Accuse che il ministro ha respinto definendole "surreali" e "destituite di ogni fondamento".