Abuja, Nigeria (askanews) - A un anno dal rapimento di oltre 200 studentesse, di cui non si hanno più notizie dallo scorso maggio, la Nigeria ha celebrato uno dei più tristi anniversario della sua storia recente. La sera del 14 aprile 2014 i miliziani islamisti del Boko Haram assaltarono la scuola di Chibok, nello Stato nord-orientale di Borno, sequestrando 276 studentesse. 57 riuscirono a fuggire pochi giorni dopo la cattura ma delle altre 219 non si hanno più avuto notizie. Durante la cerimonia di ricordo, il neo presidente Muhammadu Buhari ha dichiarato di non potere promettere il ritorno del 219 ragazze scomparse nel nulla.