Yaoundé (askanews) - I Boko Haram estendono gli attacchi al Camerun nord-occidentale. I miliziani del gruppo islamista nigeriano hanno lanciato una serie di attacchi contro una base militare nella città di Kolofata, provocando la fuga di migliaia di abitanti dai villaggi della regione al confine con la Nigeria, in cerca di scampo di fronte all'avanzata dei guerriglieri Boko Haram.Mercoledì scorso il leader degli islamisti nigeriani, Abubakar Shekau, aveva minacciato di colpire il Camerun in un video-messaggio pubblicato su YouTube. Il filmato, postato il 5 gennaio, si rivolgeva direttamente al presidente del Camerun Paul Biya, minacciandolo di far fare al suo paese la stessa fine della Nigeria, dilaniata da una feroce guerra civile.Di fronte alla dilagante offensiva dei Boko Haram nigeriani, che somiglia sempre più da vicino alla parabola politica e militare dell'Isis in Iraq e in Siria, l'esercito di Abuja ha sollecitato la cooperazione internazionale. Soprattutto alla luce del sanguinoso attacco messo a segno dai miliziani islamisti nella città di Baga e nelle località circostanti nel nord-est del paese che avrebbe causato centinaia di morti. Il bilancio esatto delle vittime non è ancora stato accertato, ma secondo alcune fonti i morti potrebbero essere 2.000.(Immagini AFp)