Roma (TMNews) - Agire col bisturi, secondo Nicola Zingaretti, candidato alla presidenza della Regione Lazio, per rilanciare le Pmi, come l'esponente Pd ha detto incontrando la Federlazio. Numerosi i temi affrontati, a cominciare dalla necessità di una rifondazione etica della politica. "La montagna dei debiti, senza cassa, ha un motivo, ed è l'uso scellerato della spesa e dell'impegno di competenza quando non c'è cassa". Quali possono essere gli strumenti offerti alle imprese sul versante dello sviluppo? "Dobbiamo risolvere questa parcellizzazione degli strumenti operativi che offriamo alle imprese nel campo dello sviluppo: troppe società, troppo parcellizzate, ed anche sul credito non va bene, perchè è evdiente che si tratta di risultati di un affastellamento di strumenti e che noi dobbiamo assolutamente semplificare". Capitolo appalti: come garantire alla piccole e medie imprese la partecipazione sul territorio? "Eliminare il più possibile affidamenti indiretti e introdurre trasparenza con norme incentivanti alla partecipazione delle Pmi. Si può prevedere come garantire questi canali: non dati alla buona volontà di chi li produce, ma a un patto di trasparenza che si costruisce". Nel corso dell'incontro la giunta Federlazio ha consegnato a Zingaretti la piattaforma programmatica delle Pmi.