New York (askanews) - New York in attesa della tempesta perfetta. Il sindaco Bill de Blasio ha messo in guardia gli abitanti della Grande mela a proposito della minaccia di un'imminente tempesta di neve di proporzioni storiche."Dobbiamo affrontare, ha detto de Blasio in conferenza stampa, quella che sarà con ogni probabilità la più grande tempesta di neve della storia di questa città. Le prime stime prevedono almeno 60 centimetri di neve, con la possibilità di raggiungere anche i 90".Secondo l'agenzia meteorologica nazionale, che ha emesso un avviso di allarme per la zona di New York e di Boston, l'ondata glaciale sarà accompagnata da venti violenti e provocherà nevicate in tutto il Nord-est degli Stati Uniti sino alla frontiera canadese.De Blasio ha invitato la popolazione a non sottovalutare l'allarme, in attesa di qualcosa di peggiore rispetto a quanto vissuto in circostanze simili precedenti e a non uscire di casa nei due giorni di picco del blizzard. Le autorità stanno valutando anche la possibilità di chiudere le scuole.Anche per questo da giorni i supermercati della metropoli sono stati presi d'assalto da migliaia di abitanti preoccupati di accumulare scorte di viveri e di rifornimenti. Si calcola che più di 50 milioni di persone in tutto il Nord-est americano saranno colpiti direttamente o indirettamente dalla tempesta del secolo che minaccia anche di paralizzare i trasporti. Centinaia di voli sono già stati annullati."Di notte le temperature scenderanno intorno ai -10 gradi centigradi, avverte Charlie Gischler, responsabile delle autostrade del Maryland. Tutto sembrerà bagnato ma in realtà si tratta di asfalto ghiacciato per cui è fondamentale guidare con estrema prudenza".Anche a Boston il sindaco Martin Walsh ha lanciato l'allarme invitando i concittadini a farsi carico dei vicini più vulnerabili.(Immagini Afp)