Roma, (askanews) - Si intitola "Equivale all'immenso", è il brano che anticipa "Kill Karma" il nuovo album di Nesli, in uscita il primo luglio. Che il cantante presenta così: "Equivale all'immenso è una canzone che ha molta poetica, un contenuto apparentemente astratto, che tratta cose poco tangibili, come la fede, l'amore, Dio, la donna. Però fondamentalmente parla dell'ispirazione".

"Volevo provare a immaginare una canzone pop perfetta. E' un pezzo con una produzione molto power e un testo alla Nesli".

"Kill Karma" è il secondo capitolo di una trilogia, che raccoglie tante contaminazioni, dove dance e rock si fondono insieme. "Kill Karma è l'episodio più crudo, non per tematiche, ma per concept e per immagini, è molto iconografico, in copertina il colore, il sangue e il rosso, lo sparo che ho nel petto, io che uccido me, io e Dio, un concetto molto rock n' roll legato al passato. Io e l'altro me, sono io che uccido l'altro me, che è il karma. Kill Karma è uccidi te stesso, uccidi il lato di te che ti è nemico, che ti limita, che non ti rende libero".

Nell'album c'è un Nesli diverso, con una voce mai sentita prima, con un'attenzione focalizzata in particolare sui testi. "Voglio un rapporto confidenziale e intimo".

E il rapporto con Dio? "Confidenziale e intimo. Io non sono un ossessionato da questo aspetto, anche perchè ho deformazione dell'artista, ho la scusa di dire: 'Questo lo faccio perchè mi serve, perchè mi ispira'".

Sul futuro Nesli annuncia: "Ad ottobre una tournée quest'estate promo".

Mentre sulla vita privata, scherza: "Non c'è niente. La vita privata e il mio lavoro vanno a braccetto. Faccio quello che sento. Sento questo nei confronti del dono e della fortuna che ho nel fare questo lavoro: arte, spettacolo, musica e verità".