Guinobatan, (TMNews) - Il vulcano Mayon si è risvegliato e fa paura. 24mila persone sono state fatte evacuare dalle autorità filippine dopo che il vulcano, il più attivo del Paese, ha ripreso l'attività. Dal cratere fuoriescono lava e rocce incandescenti, ma secondo gli esperti potrebbe essere solo l'inizio di un'eruzione ben più pericolosa. L'attività del Mayon, alto 2460 metri e distante 340 chilometri dalla capitale Manila, è in graduale intensificazione come dimostrano le scosse sismiche registrate in queste ore. Secondo l'agenzia governativa che monitara il vulcano, in caso di esplosione tutti i versanti sono a rischio. Sul posto, nella cittadina di Guinobatan, nella provincia di Albay, è stato inviato l'esercito per favorire le operazioni di soccorso.(immagini AFP)