Ouarzazate (askanews) - Alle porte del deserto del Sahara, è stata inaugurata una delle più grandi centrali solari al mondo, prima tappa di un vasto progetto destinato a spingere la produzione di energia rinnovabile del paese."E' un progetto davvero speciale, porta dell'energia solare concentrata ad un prezzo abbordabile, tutto in un solo progetto", dice Paddy Padmanathan della Acwa power.Il re del Marocco Mohamed VI, accompagnato dal capo del governo, ha dato simbolicamente il via alla produzione della centrale, alla presenza di responsabili marocchini e stranieri, compreso il ministro per l'Ecologia francese Ségolène Royal.Alimentata da grandi specchi incurvati allineati nel deserto, la centrale ha una potenza di 160 megawatt, ed è la prima installazione di un parco gigante che dovrebbe permettere entro il 2018 di produrre 500 megawatt di energia fotovoltaica, fornendo energia a 1 milione di case.