Milano (TMNews) - Ennesima tragedia dei migranti nel mar Mediterraneo: un barcone con a bordo un numero imprecisato di persone è affondato a circa 300 miglia a est di Malta. Secondo quanto riferiscono fonti maltesi, sarebbero stati avvistati diversi cadaveri in mare e i dispersi sarebbero decine. A lanciare l'allarme sono stati alcuni migranti soccorsi in mare da un mercantile, il Pegasus, che stava portando a Pozzallo altre 384 persone salvate in mezzo al mare.Per uno dei due migranti si è resa necessaria un'evacuazione medica da parte del personale dell'elicottero della Guardia costiera. Sul punto del ritrovamento dei due uomini sono cominciate le ricerche di altri eventuali naufraghi da parte di mezzi navali maltesi, di un aereo Atlantic della Marina militare e di un Atr della Guardia costiera. Quest'ultimo ha individuato alcune persone in acqua ed ha provveduto a lanciare in mare la zattera di salvataggio in dotazione. Gli uomini si sono diretti sulla zattera e dopo poco sono stati presi a bordo da un mercantile diretto a Creta.