Milano (TMNews) - Un ringraziamento ai militari italiani, quelli impegnati all'estero, in Afghanistan, Balcani, Africa e Medio Oriente, e quelli che operano in Italia, in primo luogo chi ha partecipato al soccorso dei migranti a Lampedusa. Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel giorno della festa a loro dedicata ringrazia le Forze Armate a nome suo e degli italiani, poi si sofferma sul tema dei finanziamenti. "Non possiamo - ha detto il Presidente - indulgere a semplicismi e propagandismi che circolano in materia di spesa e dotazione indispensabili alle nostre forze armate".Napolitano sottolinea la necessità di continuare la riforma del settore, che prevede meno costi, razionalizzazione delle strutture e uso ottimale delle risorse disponibili. Poi cita Marina militare, Guardia costiera, Guardia di finanza e forze di polizia impegnati a Lampedusa nel salvataggio di vite umane. "Quale esempio meraviglioso - dice - hanno dato quando non si è riusciti a evitare la tragedia nel più grave naufragio mai verificatosi"Napolitano ricorda anche la vicenda dei due marò, che si trovano ancora in India: "L'Italia - ha detto - non cessa di operare tenacemente per riportarli a casa".