Milano (TMNews) - La continua e violenta contrapposizione tra potere politico e magistratura fa male alla democrazia e al Paese. Il monito è ancora una volta del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che in un discorso all'università Luiss in memoria del suo consigliere giuridico Loris D'Ambrosio ha invocato rispetto per le toghe da una parte e maggiore apertura verso una necessaria riforma della giustizia dall'altra. "Sono certo che Loris D'Ambrosio avrebbe accolto con soddisfazione la forte e coraggiosa riflessione autocritica che si è sollecitata e avviata giorni fa in un dibattito a Milano negli interventi di magistrati di grade esperienza e di indiscutibile e fiera indipendenza e combattività". "Anche la considerazione della peculiarità di questa funzione e l'inequivoco rispetto per la magistratura che ne è investita sono invece stati e sono spesso travolti nella spirale di contrapposizioni tra politica e giustizia che da troppi anni imperversa nel nostro Paese.". Un conflitto per la cui soluzione Napolitano ha ricordato infine di essersi adoperato fin dal primo giorno del proprio solitario mandato.