Napoli (TMNews) - La Galleria Umberto I a Napoli è stata chiusa al transito dei pedoni. La decisione è arrivata dopo un sopralluogo dei Vigili del fuoco che hanno riscontrato almeno 6 criticità nella struttura, considerata uno dei salotti buoni del capoluogo partenopeo, in cui sabato 5 luglio si è verificato un crollo di calcinacci che hanno colpito alla testa Salvatore Giordano. Il 14enne è morto mercoledì 9 luglio, dopo 4 giorni di coma.La pericolosità di alcuni elementi della Galleria ha indotto dunque le autorità cittadine ad adottare un provvedimento che non fa certo piacere ai commercianti, preoccupati per la loro attività, e ai turisti che, nonostante i divieti non hanno smesso di accedere.La Procura di Napoli, intanto, ha aperto un'inchiesta per far luce sulla tragedia: almeno 44 le persone indagate al momento, tra cui tutti i condomini dello stabile da cui sono caduti i calcinacci, gli amministratori del condominio nonché alcuni funzionari del Comune che è ritenuto "parte lesa" nel procedimento.Dal canto suo il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris ha firmato un'ordinanza per l'avvio immediato dei lavori di messa in sicurezza dell'area, il cui costo sarà a carico dei proprietari dello stabile.