Naypyidaw (askanews) - La svolta tanto attesa si è finalmente concretizzata in Myanmar, il presidente Htin Kyaw, il primo eletto in elezioni considerate regolari in 50 anni, ha giurato di fronte al Parlamento birmano a Naypyidaw, la capitale amministrativa del paese.Htin è un uomo vicino alla leader della Lega per la democrazia Aung San Suu Kyi, che ha garantito di guidare il paese "al di sopra" dello stesso presidente. La premio Nobel per la pace non può assurgere alla presidenza in prima persona perché le è vietato dalla Costituzione, che impedisce a chi abbia congiunti diretti di nazionalità straniera di diventare capo dello stato.La leader democratica ha infatti due figli di cittadinanza britannica."Giuro di essere fedele al popolo della Repubblica birmana", ha detto solennemente il 69enne Htin, che apre così una nuova era per il paese del Sudest asiatico, nell'ultimo mezzo secolo sottoposto a una dura dittatura militare.(immagini Afp)