Roma, (askanews) - Qualche decina di parlamentari del Movimento 5 stelle hanno inscenato un sit-in davanti alla sede del ministero dell'Economia per protestare contro lo schema di decreto legislativo che percepisce la direttiva europea 2014-17 che consente alle banche di espropriare senza passare dal giudice le case dei mutuatari in ritardo con almeno sette rate. "Noi siam qua per protestare contro questo decreto legislativo del governo - ha detto Michele Dell'Orco, deputato - che è un ennesimo regalo alle banche, tanto per cambiare. In questo caso si regala alle banche il business delle case. Se uno è in ritardo col pagamento le banche prendono e possono direttamente pignorare la casa del cittadino, mentre comunque prima c'era una intermediazione del giudice. Per noi è inaccettabile. Oggi il Partito Democratico ci ha dato un contentino, ha cambiato le rate da 7 a 18 almeno a parole, ma per noi è insufficiente: ci deve essere quantomeno una intermediazione di un giudice".La delegazione è stata poi ricevuta dal sottosegretario all'Economia, Pier Paolo Baretta; risultato dell'incontro, il governo riferirà in Parlamento.