Rio de Janeiro, (TMNews) - Guerriglia urbana a Rio de Janeiro a due mesi dall'inizio dei mondiali di calcio. Violenti scontri sono esplosi nella favela di Pavao-Pavaozinho, a Copacabana, dopo la morte in circostanze poco chiare di un giovane residente. Douglas Rafael da Silva Pereira, ballerino di un noto programma televisivo, sarebbe scambiato per un narcos dalle forze dell'ordine.La gente è scesa in strada per protestare contro i metodi violenti della polizia, appiccando il fuoco in diversi punti della città e formando barricate, che hanno mandato in tilt il traffico automobilistico. Un altro uomo è morto negli scontri e ci sono diversi feriti.Gli amici di Douglas hanno accusato la polizia di avere picchiato a morte il ballerino, che stava cercando di mettersi al riparo da uno scambio di colpi d'arma da fuoco tra gli agenti e alcuni trafficanti di droga."Siamo solo spazzatura agli occhi della gente. Che senso ha avere i Mondiali e le Olimpiadi se dobbiamo pagarli con il sangue innocente? Non vogliamo che la polizia abbia mano libera nelle favela" dice l'attivista per i diritti civili Daisy Carvalho.Intanto, le autorità locali hanno confermato di avere aperto un'inchiesta.(immagini AFP)