Il tecnico del Chelsea usa una metafora culinaria