Mosca, (TMNews) - Era entrato questa mattina armato nella scuola 263 nella zona nord di Mosca. Ne è uscito in manette e ora rischia di passare la sua vita in prigione. Lo studente, armato di due fucili, ha sparato al proprio insegnante, freddato un agente di sicurezza, ferito un poliziotto e preso in ostaggio una ventina di suoi compagni.Il ragazzo, secondo le prime ricostruzioni, voleva vendicarsi del suo insegnante di geografia. All'ingresso della scuola la guardia ha cercato di fermarlo, ma lo studente è riuscito a fuggire. Poi si è diretto verso l'aula di biologia, dove si trovavano gli studenti dell'ultimo anno.Lungo la strada ha colpito a morte uno degli insegnanti, e poi ha aperto il fuoco contro i poliziotti giunti sul posto. Uno di loro è stato ferito, e il secondo è morto.Una delle ragazze prese in ostaggio ha avuto il sangue freddo di scrivere alla madre spiegando dove si trovava con un sms: "Lui spara. Mamma aiutaci. Questo fa sul serio, è uscito di testa. Se succede qualcosa ricordati che vi voglio bene".