Milano, 8 set. (TMNews) - Il Gengis Khan della mountain bike è ancora una volta, la terza consecutiva, il canadese Cory Wallace ma questa volta alla Mongolia Bike Challenge, la più dura e affascinante competizione ciclistica del mondo, a dargli filo da torcere fino all'ultimo è stato l'italiano Nicolas Pettinà, vincitore dell'ultima tappa ma giunto secondo in classifica generale con un gap di soli 2 minuti e 46 secondi. A completare il podio, il ceco Jiri Krivanek.Freddo, fango, acqua e strade sterrate: gli ingredienti per una perfetta gara da incubo ci sono tutti alla Mongolia bike challenge, oltre 850 Km tra la tundra e la steppa mongole, attraversando paesaggi di rara bellezza in una gara impegnativa in 7 tappe, che mette a dura prova gli atleti professionisti come gli appassionati di questo sport.Complessivamente è andata bene per la delegazione italiana, con 4 nostri connazionali nei primi 10 nella classifica generale.(Immagini Afp)