Giocatori osannati e salutati come dei 'guerrieri'