Rio de Janeiro (TMNews) - Il Brasile non vuole correre rischi. Conscio di giocarsi una buona fetta di credibilità internazionale in occasione dei prossimi mondiali di calcio, ha deciso di schierare nella partita anche i suoi militari.Il ministro della Giustizia, Eduard Cardozo ha annunciate l'invio di reparti militari nelle periferie più diseredate nei pressi dell'aeroporto internazionale di Rio de Janeiro, a supporto della polizia e in previsione dell'arrivo di centinaia di migliaia di turisti da tutto il mondo per il grande festival prestipedatorio.Le autorità non hanno fornito numeri ma hanno spiegato che il governo federale intende sostenere sino in fondo l'impegno del governo di Rio nella sua battaglia contro il crimine organizzato. Sarà il capo di stato maggiore della Difesa a occuparsi dell'intera operazione per fornire alla polizia il supporto militare giudicato indispensabile.Il segretario di Stato di Rio per la Sicurezza, Jose Mariano Beltrame ha chiarito senza mezzi termini l'obiettivo dell'impiego delle truppe: "Vogliamo mostrare chi è più forte e dimostreremo che lo Stato di Rio e lo Stato brasiliano sono più forti delle bande criminali".Dal 2008 quasi 10mila agenti sono stati schierati in 38 distretti di 174 favelas nel tentativo di domare aree da tempo nelle mani di gang e signori della droga.(Immagini Afp)