Roma, (TMNews) - Tregua umanitaria a Gaza: per cinque ore le parti hanno accettato la richiesta delle Nazioni Unite di sospendere i bombardamenti per ragioni umanitarie. Ma, avverte Israele, "se Hamas o altre organizzazioni terroristiche sfrutteranno questa finestra umanitaria" per colpire, "allora risponderemo fermamente".Ma i raid dell'esercito israeliano nella Striscia sono continuati per tutta la notte. E il bilancio delle vittime sale senza sosta: dall'inizio dell'offensiva, l'8 luglio, sono almeno 230 i palestinesi rimasti uccisi."Abbiamo sentito un rumore fortissimo, siamo scappati fuori - racconta Abdullah Alsarhi, proprietario di una delle case bombardate - un drone ha lanciato un missile su una delle camere della nostra casa, noi eravamo seduti. C'erano schegge e pezzi di vetro dappertutto. Siamo scappati fuori e ci siamo rifugiati dal vicino. Poco dopo un altro missile è stato lanciato da un F16 sulle nostre teste".La "pausa umanitaria" è iniziata alle 9 (ore italiane) del 17 luglio, dopo 10 giorni di offensiva.Immagini: Afp