Roma, (TMNews) - Un corteo per dire no all'offensiva israeliana nella Striscia di Gaza. Lo hanno organizzato centinaia di studenti pachistani, che sono scesi in piazza a Karachi - la città più popolosa del Pakistan - per manifestare solidarietà e vicinanza ai palestinesi.Cartelli con le scritte "Liberate Gaza" e "Liberate Gaza dall'assedio di Israele", striscioni, vessilli palestinesi, bare finte: i manifestanti, che hanno anche bruciato bandiere israeliane, hanno dato sfogo a tutta la loro rabbia verso lo stato ebraico per dire no a un conflitto che, malgrado il cessate-il-fuoco in corso, ha provocato circa 2mila vittime tra i palestinesi e 67 tra gli israeliani."Non possiamo andare a Gaza ma possiamo fare qualcosa per Gaza", il messaggio di uno studente, "Se non possiamo andare lì e fare la jihad, possiamo almeno dire qualcosa, o raccogliere fondi da destinare a Gaza. E' il minimo che possiamo fare in questa fase"."Gaza non è da sola", ha detto un altro manifestante, "Gli studenti di Karachi e del Pakistan sono dalla sua parte. Israele non può continuare a lungo a commettere queste atrocità".