Enna, (TMNews) - Missione compiuta per il Sicilian Space Program: per la prima volta un cannolo siciliano è volato ai confini della stratosfera, raggiungendo i 30mila metri di quota.La missione gastro-spaziale è stata progettata e realizzata da tre amici della provincia di Enna, Paolo Capasso, Antonella Barbera e Fabio Leone: grazie a un pallone sonda riempito di elio e un piccolo drone casalingo dotato di un gps e due telecamere, il viaggio del cannolo siciliano nello Spazio è documentato in tutte le sue fasi, dal decollo da Rocca di Cerere, il punto più alto di Enna, all'atterraggio, avvenuto in quel di Bompietro nel Palermitano.E' lì che che i tre amici hanno recuperato il cannolo, non prima di aver superato un imprevisto:"Nooo, le pecore. Dobbiamo proseguire a piedi".Arrivati a destinazione, il recupero del cannolo. Peccato che non potesse essere addentato: era una riproduzione in materiale sintetico.