Jakarta, (TMNews) - Le proteste non fermano la bellezza ma la costringono a traslocare. Il Concorso di Miss Mondo è sotto assedio e ha dovuto cambiare sede, lasciando l'islamica Giacarta per la induista Bali. La decisione degli organizzatori è seguita alle numerose manifestazioni di protesta che si sono tenute nella capitale indonesiana, contro la gara tra reginette definita "una maialata e pornografica". I gruppi musulmani estremisti avevano chiesto al governo di cancellare l'evento.Le ragazze provenienti da tutto il mondo hanno iniziato a sfilare per la cerimonia di apertura del concorso sotto strette misure di sorveglianza. Centinaia di poliziotti pattugliano infatti gli edifici dove si svolge la gara e le reginette sono guardate a vista. Le 50 finaliste poi non faranno la tradizionale sfilata in bichini, ma si sono presentate con coloratissimi ma castigati abiti alla prima serata del concorso. La finale è prevista il 28 settembre.(IMMAGINI AFP)