Milano (askanews) - Circa un migliaio di migranti sono stati soccorsi in tre diverse operazioni al largo della Libia dalla marina libica, mentre tentavano su diversi gommoni di attraversare il Mediterraneo per raggiungere l'Europa. In queste immagini il loro arrivo di notte al porto di Tripoli dove rischiano di essere nuovamente rinchiusi nei centri di detenzione, in cui sono esposti ad abusi e violenze.

Anche questa volta dopo il rifiuto dell'Italia, che ha detto no all'intervento della Ong Proactive open arms, si era fatta avanti la Spagna, con la sindaca di Barcellona Ada Colau che aveva lanciato un appello via social al premier Sanchez "Proprio ora

più di 1.000 persone alla deriva in 7 barche e l'Italia pertende

di lasciarli nelle mani della Libia, dove si torturano, stuprano

e schiavizzano le persone. Il governo aiuti Open Arms a salvare vite! Barcellona si offre come porto sicuro".

Situazione ancora di stallo per l'ong tedesca Lifeline bloccata in mare da 5 giorni con a bordo 300 migranti senza possibilità di attraccare in alcun porto.