Genova, (TMNews) - 'Siamo tutti Fincantieri' recita lo striscione, mentre gli operai scandiscono lo slogan, "Siamo lavoratori, non siamo criminali". Alcune centinaia di lavoratori metalmeccanici, circa un migliaio secondo gli organizzatori, hanno manifestato a Genova al corteo indetto dalla Fiom Cgil per testimoniare la propria solidarietà nei confronti dei 18 operai dello stabilimento Fincantieri di Sestri Ponente a rischio processo. Il tribunale deve stabilire se rinviarli a giudizio per i disordini scoppiati davanti alla prefettura di Genova nel maggio del 2011 durante un corteo di protesta contro la chiusura del cantiere genovese e di altri siti produttivi del gruppo. Bruno Manganaro della Fiom. "Il cantiere è ancora aperto grazie a quei lavoratori e a quelle lotte. E' nata attono a loro una grande solidarietà. Siamo riusciti a tenere aperto quel cantiere, i problemi non sono risolti però il lavoro c'è ancora e c'è perché si è lottato e scioperato". I lavoratori sono scesi in piazza, ha aggiunto Manganaro, per dire che quei 18 operai non sono dei sovversivi, ma delle persone che manifestavano per difendere il posto di lavoro