Milano (askanews) - Realizzare una moschea a Milano è "è doveroso anche per rispetto della nostra Costituzione che dice che la libertà di culto è uno dei diritti inviolabili. Evidentemente rispettare la costituzione non è più di moda". Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, sottolineando che "con il Piano di Governo del Territorio che andrà in consiglio comunale a fine estate, tra settembre e ottobre, portiamo il piano delle attrezzature religiose in cui facciamo la nostra proposta di dislocazione potenziale delle moschee di dimensionamento e di regole".

Un progetto fortemente criticato da Lega e partiti di centrodestra che governano la Regione Lombardia. "E' chiaro che se la Regione dice no, 'i metri minimi di distanza da ogni altro luogo sono pochissimi', a quel punto tutto questo castello casca", ha precisato Sala evidenziando che l'amministrazione comunale è al lavoro "da tanto tempo" per dotare Milano di una moschea. "Non siamo certo noi a dire che tutto ciò avviene senza regole e senza controlli - ha detto ancora il primo cittadino milanese - ma la Costituzione è la Costituzione".