Como (askanews) - Entro metà settembre a Como sarà allestito un campo di accoglienza temporanea per ospitare 300 migranti. A circa un mese e mezzo dai primi arrivi, è stata

infatti trovata l'area da allestire per l'accoglienza di centinaia di migranti respinti dalle frontiere svizzere e da più di un mese accampati alla stazione di Como San Giovanni. Ad annunciarlo il prefetto comasco, Bruno Corda, in una conferenza stampa insieme al sindaco di Como, Mario Lucini.

"E' un'area di proprietà comunale - ha spiegato il prefetto - di fianco al cimitero monumentale di 2.500 metri quadri che era usata come deposito per le autovetture". Al suo interno "verranno allocati 50 moduli abitativi insieme a docce e servizi per 300

migranti".

Il sindaco Lucini ha poi espresso parole di apprezzamento per la "risposta data di fronte a una situazione nuova sia dalle istituzioni che dalle associazioni e dai singoli cittadini.

"Questa risposta ha evitato tensioni sociali di fronte a una situazione non ottimale. Non esiste l'area perfetta per il centro ma questa ha elementi positivi che superano le criticità. Ovviamente non ci illudiamo che il problema sia risolto".