Ragusa (TMNews) - Un ventenne senegalese è stato arrestato dalla polizia a Ragusa, con l'accusa di essere lo scafista che domenica scorsa ha consentito lo sbarco di un gruppodi immigrati a Pozzallo. Il ragazzo avrebbe condotto il gommone con a bordo 103 persone, sino a quando il natante non è stato soccorso dai mezzi navaliimpegnati nell'ambito del dispositivo "Mare Nostrum"."Facevo il pescatore, non avevo il denaro per partire ed ho chiesto all'organizzazione libica di poter lavorare. Mi hanno dato un telefono satellitare poi siamo partiti", ha raccontato il ragazzo alle forze dell'ordine.Secondo la testimonianza di alcuni migranti, il viaggio della speranza è costato 600 dollari a persona con un guadagno per gli organizzatori di 60.000 dollari solo su questa imbarcazione.